I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Zanzare

Cando 'l chiaut 'l te delova
a not fonda 'l mes de Agost
col sudor che sgorghia föra
da ogni pör che Dio l'à fat
anunzià da 'na zanzara
el moment l'è già arivà
de scontar i to pechiadi.
La bestiaza svolazant
la te snasa, la te sbusa
la te ciucia éngorda 'l sanch
dopo averte ensemenì
con chel sòn de corda sola.
No te resta che la resa
e spetar che tornia el sol
per veder el to castigo
io, sul mur, empisolà
con la pancia ros rubin
come 'n mez de Rosatel.
Zanzare

Quando il caldo ti discioglie
a notte fonda, il mese di Agosto
e il sudore sgorga fuori
da ogni poro che Dio ha fatto
annunciato da una zanzara
il momento è già arrivato
di scontare i tuoi peccati.
La bestiaccia svolazzando
la ti annusa, la ti buca
la ti succhia ingorda il sangue
dopo averti scimunito
con quel suon da corda sola.
Non ti resta che la resa
ed aspettare che torni il sole
per vedere il tuo castigo
lì, sul muro, appisolato
con la pancia rosso rubino
come un mezzo di Rosatello.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search