I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Vene

Al chiaut stöfech de la sera
enchiantà a vardar le vene
che le cór dénter le man
come rivi de montagna
che i se sgonfla en Primaverà
per móssarse en trasparenza
sota ‘n vél de lustra pèl
che el tèmp l’à decorà
con en rùgem d’esperienza
scasi ‘n segn de nobiltà.
Vene

Al caldo soffocante della sera
incantato a guardar le vene
che corrono dentro la mano
come ruscelli di montagna
che si gonfiano in Primavera
per mostrarsi in trasparenza
sotto un velo di lucida pelle
che il tempo ha decorato
con una ruggine d'esperienza
quasi un segno di nobiltà.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search