I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Vendémia

En Setember gió en vendemia
gió, lontan, a Mezombart
endó noi popi de alora
nó podeven tor giò pichie
ma sol grani nadi en tèra
se voleven pestar l'ua
e ciuciar en pòch de móst.
Tut ch'el mondo l'è cambià
l'ensomia a 'n rebalton
se cernìs, se slarghia vide,
ghiè pu pichie trate en tèra
che 'n la bót per far el vin.
No ghiè  pòpi a pestar l'ua
né chei vècli che sparagna
chele vide e la chiampagna
le è al governo del merchià
che el comanda calità.
Vendemmia

A Settembre giù in vendemmia
giù, lontano, a Mezzolombardo
dove noi bimbi di allora
non potevano coglier grappoli
ma solo acini caduti a terra
se volevamo pestare l'uva
e succhiare un poco di mosto.
Tutto quel mondo è cambiato
assomiglia a un ribaltone
si seleziona, si allargan vigne,
ci son più grappoli gettati a terra
che nelle botti per fare il vino.
Non ci son bimbi a pestare l'uva
né quei vecchi sparagnini
quelle vigne e la campagna
sono al governo del mercato
che comanda qualità.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search