I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Vèclo lares

L'è passà 'na vita entreghia
a chél dì che rampeghiaven
su chél làres che vardava
su la glesia e la Borgata,
nó credevi de trovarlo
dopo casi settant'ani
amò io, semper precis
con chéi rami fati a ombrèla
con chéi gropi sudant rasa
come prese per montar
su, sussóra, a spindorlon
fra ca Tera e 'l limpid ziél
su ca cima massa auta
per le forze ormai finide
de 'sto vèclo sognador.
Vecchio larice

E' passata una vita intera
da quei giorni che arrampicavamo
su quel larice che guardava
sulla chiesa e la Borgata,
non credevo di ritrovarlo
dopo quasi settant'anni
ancora lì, sempre preciso
con quei rami fatti a ombrello
con quei nodi trasudanti resina
come prese per salire
su, su sopra, a penzoloni
fra quella Terra e il limpido cielo
su quella cima troppo alta
per le forze ormai esauste
di questo vecchio sognatore.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search