I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Tuti a Messa

La Domenghia tuti a Messa
me plaseva chéla plana
chéla fàzil da servir
col latin che noi pu picioi
ne enventaven sul moment.
Chi a Milan, cambiava 'l Rito
ma con pochie diferenze
se escluden el Tantum ergo
che 'l pu grand dei ceregoti
el chiantava en milanés
emparà da la so nonna:
"La vocéta di tuist*
pésta el fidich sul momento".
El Signor che tut el sènt
preocupà da chei chiantori
el ghià dit al só Vicari:
"Vara tòi che dopo i crés.
Se no vòs 'na Babilonia
fai dir Messa 'n bòn 'talian,
mi dal Ziél te bendissi
e te dón 'l bòn esempi.
Ma po' dopo el se sbagliava
entonant 'n Pater noster
en bèl Dominus vobiscum
e anchia 'n  Ite missa est.
Tutti a Messa

La Domenica tutti a Messa
mi piaceva quella piana
quella facile da servire
col latino che noi piccini
ci inventavamo pressapoco.
Qui a Milano, cambiava il Rito
ma con poche differenze
se escludiamo il Tantum ergo
che il più grande chierichetto
cantava in milanese
imparato dalla nonna:
"La vocina dei tuist*   
pésta il fegato sul momento".
Il Signore che tutto sente
preoccupato dai cantori
ha detto al Suo Vicario:
"Stai attento, dopo crescono.
Se non vuoi una Babilonia
fai dir Messa in buon italiano,
io dal Cielo ti benedico
e ti do il buon esempio."
Ma ciò detto si sbagliava
intonando un Pater noster
un bèl Dominus vobiscum
e anche un Ite Missa est.
*porcellino d'India
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search