I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Tic tóc

Sei metri cadri sora doi rode,
rumor de banda, casi en tambur
tic toc, tic tac: l’aca che ven.
Scoutarla sol, parlar con ela
pensar al mondo: l’è tondo e mat
tuti i se sbrana, no i se vol ben
tic toc, tic tac: l’aca che ven.
L’è en bosch da rider, peci nó 'l ghià
ma l’è calcoss, che me ricorda
chei verdi orbeti entorn al Nós
chel polinar fat en 'tel ort
e chei gitani che i vio ìnzì
'na vita entreghia, la not e ìl dì.
Tic toc, tic tac: l'aca la va.
Tic tóc

Sei metri quadri sopra due ruote,
romore di latta, quasi un tamburo
Tic toc, tic tac: l'acqóua che viene.
Ascoltarla da solo, parlare con lei,
pensare al mondo: è tondo e matto
tutti si sbranano, non si voglion bene
tic toc, tic tac: l'acqua che viene.
E' un bosco da ridere, pini non ha
ma è qualcosa che mi ricorda
quei verdi pendii vicino al Noce
quel pollaio nell'orto e messo lì
e quei gitani che vivon così
una vita intiera, la notte e il dì.
Tic toc, tic tac: l'acqua che va.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search