I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Sogni

Vaiten dì, vèn scur, l'è not
forsi passa el tram dei sogni
el pu rapid che ghié sia
per viaggiar ent l'Univers
e tornar felizi endria
su che strade, chei senteri
fra ca gènt, fra chei sapienti
de en bòt che no ghiè pu.
Fra chei giouni critichiadi
che ancòi i manifesta
per chiapir meio i problemi
e cechiar unidi, en festa
se ghié sia le soluzion.
Ma la sveglia oramai la sòna
torna 'l dì, la not finida
e scomenzia la partida,
plata, corta, senza sugo
coi so screzi, la realtà.
Sogni

Vattene giorno, vien scuro, è notte
forse passa il tram dei sogni
il più rapido che ci sia
per viaggiare nell'Universo
e ritornare felici indietro
su quelle strade, quei sentieri
fra quella gente, fra quei sapienti
di una volta che non ci sono più.
Fra quei giovani criticati
che oggi manifestano
per capire meglio i problemi
e cercare uniti, in festa
se ci siano le soluzioni.
Ma la sveglia trilla, suona,
torna il giorno, la notte finita,
ricomincia la partita,
piatta, breve, senza scopo
con i suoi screzi, la realtà.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search