I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Se encontres la Mort

Se encontres la Mort, se ses empaurì
ti dighie bondì e daghie la man
pöl darse, pöl esser no sia enzi brut
vardarla en 'tei ocli, sentirla parlar.
Ti dighie i to cruzi, ti parlighie s-cèt
pöl esser 'na feuna che te chiapis ben.
Se encontres la Mort, se ses empaurì
ti sghicighie l’ocio, ti tratela ben
si vècla, enfiziada, strachia, engiazada
la ghià da viagiar de not e de dì.
Su e giò per i monti per le contrade
l’à bona memoria per desmenteghiar.
Se encontres la Mort fai finta de 'ngot
pöl darse, pöl esser no sia enzì brut
star chi, per doi dì, amò sul spiazol.
Se incontri la Morte

Se inontri la Morte, se sei impaurito
tu dille buon giorno e dalle la mano
può darsi, può essere non sia così brutto
guardarla negli occhi, sentirla parlare.
Tu dille i tuoi crucci, parlale schietto
può essere donna che ben ti capisce.
Se incontri la Morte, se sei impaurito
tu strizzale l'occhio, tu trattale bene,
così vecchia, avvizzita, stanca, di ghiaccio
deve viaggiare di notte e di giorno.
Su e giù per i monti e per le contrade
ha buona memoria per dimenticare.
Se incontri la Morte, fai finta di niente
può darsi, può essere non sia così brutto
star qui, per due dì, ancor sul piazzuolo.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search