I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Santa Lùzia

La arrivava fin sul Dòs
da lontan, da Siracusa
santa Lùzia orba e bèla   
propi el dì pu cort de l'an
coi so òcli sul piatèl  
a chiaval de n’asenèl
con doi céste smisurade
come 'l poz de san Patrizi
plene de ogni loveria
per i pòpi bravi e bòni
che i diséva le orazion.
Mi ghiavevi ‘na passión
che la m’è réstada denter
per chei òcli grandi e bèi
e 'na sort de ninanana
che pareva vegnir föra
dal santin ormai slisà
tegnù strent fin la doman
fra i dedòti dele man.
Santa Lucia

Arrivava fino sul Dòs
da lontano, da Siracusa
santa Lucia, cieca e bella
proprio il giorno più corto dell'anno
con i suoi occhi sul piattino
a cavallo di un asinello
con due canestri smisurati
come il pozzo di san Patrizio
colmi di ogni ghiottoneria
per i bambini bravi e buoni
che dicevano le orazioni.
Io avevo una passione
che m'è rimasta dentro
per quegli occhi grandi e belli
e una sorte di ninnananna
che pareva uscire fuori
dal santino ormai consunto
tenuto stretto fino all'indomani
fra i ditini delle mani.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search