I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

San  Romedi

El preghiava san Romedi
sul sponton de rocia viva
dent ca val che 'l rio bagnava
per beorar el so chiaval
e anchia l'ors, semper famà
che sbranando 'l pöer equin
l'à laghià Romedi a pè.
El bon om, sant e pazient
el ghià dit : "...per penitenza
mi te fón chiavalchiadura
e naren su e gió per Trent".
Con Romedi sul gropon
l'ors el s'era fat agnèl
spirit scasi franceschian
se no füs per chél viziet
de robar le zave zalde
ent chél ort che san Vigili
el sarclava 'n Primavera
tòlt la crós e 'l pastoral
dopo i vespri de la sera.
San Romedio

Pregava san Romedio
sullo spuntone di viva roccia
dentro la valle che il rio bagnava
per abbeverare il suo cavallo
e anche l'orso, sempre affamato
che sbranando il povero equino
ha lasciato Romedio a piedi.
Il buon uomo, santo e paziente
gli ha detto: "...per penitenza
io ti faccio cavalcatura
e andremo su e giù per Trento...".
Con Romedio sul groppone
l'orso s'era fatto agnello
spirito quasi 'francescano'
se non fosse per quel vizietto
di rubare le carote
in quell'orto che san Vigilio
sarchiava in Primavera
smessi la croce e il pastorale
dopo i vespri della sera.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search