I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Sa com'è

Per saver chel che sarà
mi son na dal luminare
el Dotor pu aut en grad
engrisì dal gran saver.
Dopo aver sentù i malani
l’à vardà, scoutà, palpà
dai chiavei fin giò a le ongle
el m'a fat corer da fermo
l'à volù vardarme dénter
l’à fat lastre e risonanze
el m'à mes dent en 'ten tubo
me pareva de stoféghiar.
Dopo aver légiù le chiarte
e avérghie pensà sora
col soris rassicurant
el m'à dit con voze ferma:
Caro sior, el se consolia
setant'anni... sa com'è.' 
Mi no sai come che el sia
o se ghiai da esser contènt,
sai che de ani en sènti vinti.
Su per giò e se scouti ben.
Sa com'è

Per sapere ciò che sarà
sono andato dal luminare
il Medico più alto in grado
ingrigito dal sapere.
Dopo aver sentito i malanni
ha guardato, ascoltato, toccato
dai capelli, fin giù alle unghie.
m'ha fatto correre da fermo
ha voluto guardarmi dentro
ha fatto lastre e risonanze
m'ha infilato dentro un tubo
mi sembrava di soffocare.
Dopo aver letto le carte
e aver ben riflettuto
col sorriso rassicurante
m'ha detto con voce ferma:
'Caro signore, si consoli
settant'anni...sa com'è.'
Io non so, com'è che sia
o se ho da esser contento,
so che di anni ne sento venti.
All'incirca e se ascolto bene.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search