I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Russo

Si, la glésia arzipretal
con el chiampanil  rifat
san Gióan, chel  cródà giò
con l'albèrgo, la stazión
ca fóntana, el gran viavai
l'èra Clés mónumental.
Ma per noi pòpi de alóra
l'èra el  Russo dei gélati
mèta, cèntro e mónumént.
Col  triciclo  a trèi colori
chél sussiégo tut inglés
chél risòt  sì trist e dólz
chéi chiavèi émpómatadi
e ca front  spacada en dói.
El ne féva  strangóssar
candol'empléniva  el còno
che el végniva éngigantì
da ca urna dé cristal
che la sluzéghiava al sól.
Russo

Si, la chiesa arcipretale
con il campanile rifatto
san Giovanni, quello caduto
con l'albergo, la stazione
quella fontana, il grande viavai
era Cles monumentale.
Ma per noi bambini di allora
era Russo dei gelati
meta, centro e monumento.
Col triciclo a tre colori
quel sussiego tutto inglese
quel sorriso così triste e dolce
quei capelli impomatati
e quella fronte spaccata in due.
Ci veniva l'acquolina
quando riempiva il cono
che veniva ingigantito
da quella urna di cristallo
che luccicava al sole.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search