I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Ricordi e credenza

Lustrofin chela 'n salot,
art poréta chela 'n cosina,
le credenze con vedrina
monumenti del passà.
Le tegniva denter, sóta,
per sbarchiar 'l pòr lunari
le farine de ca Tera,
el pan veclo da smoiar
per far gnochi col cuciar
o chianederli 'n 'tel brodo.
Ben en vista, su, sussora,
drio a chei vedri che sluseva,
cabarè, piati e le scudèle
e biceri de cfristal.
Richiamade d’or zechin,
chicheròte de gran marca
messe 'n mostra e da doprar
per che siore col chiapel
profumade de violéta
che nideva calche bòta
per gustarse 'n bon caffè.
Ricordi e credenza

Laccata quella in salotto,
arte povera quella in cucina,
le credenze con vetrina
monumenti del passato.
Custodivan dentro, in basso,
per sbarcar pover lunario
le farine della Terra,
pan stantio da ammollare
per far gli gnocchi col cucchiaio
o canederli nel brodo.
Ben in vista, sopra, in alto,
dietro ai vetri luccicanti,
vassoi, piatti e le scodelle
con bicchieri di cristal.
Ricamate d'oro zecchino,
le tazzine di  gran marca
in bella mostra e da usare
per quelle signore col cappello
profumate di violetta
che venivano ogni tanto
per gustare un buon caffè.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search