I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Poncerli

L’èra gris, tigrà, sélvadéch
con en nóm uruguaian
chel bèl ghiat de chiasa mia.
Se el tróvava  n’us  avert
de scondion el se enfilava
dént le chiamére da lèt
per dormir sóta i piumini
e sgraffiar el paviment.
Dispetos e credulon
mili volte tolt en giro
dale féune disperade
che per farlo vegnir föra
le mólava dói córtei
pròpi come fa 'l béchiar.
A sentir dimò 'l rumor
da chel nïo de pluma d’òchia
el pareva sbarà föra,
per ca fléta emmaginada
de fighià fresch de giornada
che el sognava de magnar
ronzeghiant a pancia engiò.
Poncerli

Era grigio, tigrato, selvatico
con un nome uruguaiano
quel bel gatto di casa mia.
Se trovava un uscio aperto
di nascosto s'infilava
dentro le camere da letto
per dormire sotto i piumini
e graffiare il pavimento.
Dispettoso e credulone
mille volte preso in giro
dalle donne disperate
che per farlo uscir fuori
affilavan due coltelli
proprio come fa il beccaio.
A sentir solo il rumore
da quel nido di piuma d'oca
sembrava sparato fuori,
per quella fetta immaginata
di fegato fresco di giornata
che sognava di mangiare
facendo fusa a pancia in giù
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search