I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Pitardèl

L'era bèl chél d' de Autun
casi a far da scondiròla
con la so maclota rossa
fra chéi rovi semper vivi
el sautava el pitardèl.
Po'  'n fusil 'na sc-iopetada.
Mi a veder chela testota
spindolar en ca en là
ài chiapì la chiativeria
l'è 'na macla scura e negra
chela cress ensema all'Om.
Pitardèl

Era bello quel giorno d'Autunno
quasi a giocare a nascondino
Con la sua macchietta rossa
Fra i roveti semprevivi
Saltellava il pettirosso.
Poi un fucile, una schioppettata
Io a veder quella testolina
Penzolare in qua, in là
Ho capito la cattiveria.
E' una macchia scura e negra
Che cresce assieme all'Uomo.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search