I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Papa Ratzinger, ciao

Per difender le regole antichie
às giughià la pu dura partida
con en mént 'l rigor del Concili.
Per 'l bèn de 'na Glesia confusa
às patì le emboschiade del lóf
che le ripèt de la Storia i errori
dénter nugole de nova tompesta.
Noi che vècli sén pronti a partir
vorossen seguirte, nar via.
Tuti ensema su strada maestra
amò longhia, che a la fin ne separa,
su sentéri che i va per Sussóra
o gió bas per paghiar giusta pena.
Sóra o sóta no sén che ghié sia,
le Virtù le s'è perse per strada,
per trovarle ghié vòl la sapienza
che ghiàs Ti, caro, vèclo Pastor.
Papa Ratzinger, ciao

Per difender le regole antiche
hai giocato la più dura partita
con in mente il rigor del Concilio.
Per il bene di una Chiesa confusa
hai patito le imboscate del lupo
che ripeton della Storia gli errori
dentro nubi di nuova tempesta.
Noi che vecchi siamo pronti a partire
noi vorremmo seguirti, andar via.
Tutti assieme su strada maestra
ancor lunga, che alla fin ci separa
su sentieri che vanno Su sopra
o giù sotto a pagar giusta pena.
Sopra o sotto non sappiam che ci sia,    
le Virtù si son perse per strada,
per trovarle ci vuol la sapienza
che hai Tu, caro, vecchio Pastore.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search