I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Miseria

La arriva plan, planot, la va drit per la so strada
maschierada dal ghiazèr, la Miseria trista e ladra.
La ne porta endò che i vòl  i potenti, la finanza
chéi che varda al so interess, che birbante
el ciucia ‘l sang, con promesse e chiarta fausa,
al poret che i li sparagna per paghiarse ‘l funeral
o che attento i li met via per la fam , ‘l mal de pancia,
tirar vecli i fioi già grandi, senza fé, senza speranza,
diplomadi, laureadi con la lode e 'l baso 'n front.
Fioi ridoti a far ‘ngot con le man ‘n le schiarsèle
messi 'n piaza a protestar, a divider chel che resta
'n laorerot e ‘na minestra, forsi anchia ‘n bocon.
Propi come ‘n temp de ghèra, fin a dopo ‘l rebalton.
Miseria

Arriva piano, pianino e va diritta per la sua strada
mascherata dalla confusione, la Miseria triste e ladra.
E ci porta dove vogliono i potenti, la finanza,
o chi bada al tornaconto, che birbante
succhia il sangue, con promesse e carta falsa,
al poverello che risparmia per pagarsi il funerale
o che attento li mette via, per la fame, il mal di pancia
e tirar vecchi i figli grandi senza fede, senza speranza,
diplomati, laureati con la lode e bacio in fronte.
Figli ridotti a fare nulla con le mani affondate in tasca
messi in piazza a protestare, a dividere ciò che resta
un lavoretto , una minestra, forse anche un boccone.
Proprio come in tempo di guerra, fino a dopo il ribaltone.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search