I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Mamaia

Te clamaven tuti enzì
noi putèi al Dòs de Péz
ti però ères tuta mia
con che cocole che feves
sui ginocli consumadi
che i aveva chiznérà
tanti, tanti ani endrio
el to pòpo, eroe de ghèra.
Me fas chiaut e compagnia
dives, ma sentives mal.
Per i reumi o forsi ancor
nel ricordo del to pìciol
senza mai parlar de el.
Cando son nu chi, ses morta
forsi per 'l dispiazer
de nó vederme pu io
a valer ormai per doi.
Massa piciol per chiapir
se l'amor che ti me déves
l'era amor de mama o zia.
Mi no 'l sévi, l'era dópel
t'ài clamada mama-ia.
Mamaia

Ti chiamavamo tutti così
noi bambini del Dòs di Péz
tu però eri tutta mia
con quelle coccole che facevi
sulle ginocchia consumate
che già avevano cullato
tanti, tanti anni prima
il tuo bambino, eroe di guerra.
Mi tieni caldo e compagnia
dicevi, ma sentivi male.
Per i reumi o forse ancora
nel ricordo del tuo piccino
senza mai parlar di lui.
Quando son venuto qui, sei morta
forse per il dispiacere
di non vedermi più lì
a valere ormai per due.
Troppo piccolo per capire
se l'amore che mi davi
era amore di mamma o zia.
Non lo sapevo, era doppio:
t''ho chiamata mama-ia.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search