I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

 La Spada

Gió al molin tachiada via
sora al mur ‘na spada antichia
che el temp l'à scoertà
con 'na polver de farina
segn de tempi e d'én passà
che credeven portà via
dalle ache de chél Nóss
che è sparì, sépolì vio
ent chél let che no ghiè pu.
Po' 'n bèl dì, a pél d'aca
da chél lach, che io no 'l ghièra
el spadon l'è sautà fòra
per mossarse via sussora,
a ogni cambio de stagion.
Pareria n'autra magia
scasi 'l simbol de 'na Tèrra
che l'à ghiéva 'n lach tut ross,
che à patì, lottà, vinciù,
fat rivolte, brusà strie,
en chiastei pleni de spade,
Storia e Omni de valor.
La spada

Giù al molino appesa via
sopra al muro una spada antica
che il tempo ha ricoperto
con una polvere di farina
segno di tempi e d'un passato
che credevamo portato via
dalle acque di quel Noce
che è sparito, sepolto vivo
in quel letto che non c'è più.
Poi un giorno, a pelo d'acqua
da quel lago, che lì non c'era
lo spadone è emerso fuori
per mostrarsi in superficie
a ogni cambio di stagione.
Sembrerebbe altra magia
quasi il simbolo di una Terra
che aveva un lago tutto rosso,
che ha sofferto, lottato, vinto,
fatto rivolte, bruciato streghe
in castelli pieni di spade,
Storia e Uomini di valore.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search