I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

L’uomo nero

Massa piciol, massa auti
me dovevi rampeghiar
sul porton de chiasa Piz
per sonar dei chiampanei
el pu bas e semper chel.
Fin ché 'n dì 'l m’à ciapà
Piz Gioan, col dé sghicià:
'perché sones i chiampanei
'mi no sai... mi no son stà!'
'chi pò alor che sona semper?'
e mi pronto: 'l’uomo nero.
De paura en ghiévi tanta
m'è vegnu la tremarela
ma en chei ocli enzì severi
ghièra già 'n bèl soris.
L’uomo nero

Troppo piccolo, troppo alti
mi dovevo arrampicare
sul portone di casa Piz
per suonare dei campanelli
iI più basso e sempre quello
Finché un giorno m'ha sorpreso
Piz Giovanni col dito premuto:
'perchè suoni i campanelli?'
'io non so...io non son stato!'
'chi è allor che suona sempre?'
e io pronto: 'l'uomo nero!'.
Di paura ne avevo tanta
m'è venuta la tremarella
ma in quegli occhi così severi
c'era già un bel sorriso.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search