I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

L’omnét de l’autostrada

Piciól, dignitos, vechiel, sorident
el vedi ogni mattina, l’ómnet de l’autostrada.
L’è io per gadagnarse ‘na lira per magnar
l’ensegna ai camionisti le strade de Milan,
l’è sol, l’è come mi, pura di son chi.
L’è massa dignitos, l’ómnet del l’autostrada
per meterse 'n chiapel con la parola: guida.
El resta io, sot l'aca, el spèta bona gent
ch’ei camionisti strachi, che i vegn da via, lontan
che i parla zento lingue, el monta su con ei.
L’è bel veder l’omnet zentil del l’autostrada
fermar chei autotreni dimò con en soris.
Pensar che per magnar ghiè semper calchedu
che el speza el pan én doi, per dar 'n tòch a ti
L'omino dell'autostrada

Piccolo, dignitoso, vecchio, sorridente
lo vedo ogni mattina l'omino dell'autostrada.
E' lì per guadagnarsi una lira per mangiare
Insegna ai camionisti le vie di Milano
è solo, è come me, paura a dire sono qui.
E' troppo dignitoso, l'omino dell'Autostrada
per mettersi un cappello con la parola: guida.
Rimane sotto l'acqua, è aspetta buona gente
quei camionisti stanchi, che vengono da lontano
che parlano cento lingue, sale su con loro.
E' bello vedere l'omino gentile dell'Autostrada
fermare quegli autotreni solo con un sorriso.
Pensare che per mangiare, c'è sempre qualcuno
che spezza il pane in due, per darne un pezzo a te.
© 2019 a cura di Gino Ruffini

Search