I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Gócia

Io, al sól, su ca banchiéta
pensa 'l vèclo al tèmp, a l'aca
fissi i òcli a ca fontana
endò ancoi buta 'na gócia
che 'n 'tel vöid la bat sul sas.
Pensa 'l veclo empisolà
al temp nà, a l'aca córsa
al glaciar, en bòt eterno
e ancòi ridot a 'ngót.
Sogna 'l vèclo néo a mucli
con 'l sol che i li delova
per mandar giò aca al mar.
N'autra gócia entant la buta
no la vèn da la chianèla
par 'na lagrima slitada
su la pónta de chél nas.
Goccia

Lì, al sole, su quella panchina
pensa il vecchio ai tempi, all'acqua
fissi gli occhi alla fontana
ove ormai sgorga una goccia
che cadendo batte il sasso.
Pensa il vecchio appisolato
al tempo andato, all'acqua corsa
al ghiacciaio, una volta eterno
ed ormai ridotto a ghiaia.
Sogna il vecchio, neve a mucchi
con il sol che li scioglie
per mandar giù acqua al mare.
Un'altra goccia intanto sgorga
non viene giù dalla cannella
sembra lacrima discesa
dalla punta di quel naso.
© 2018 a cura di Gino Ruffini

Search