I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Fontanèla del me Dòss

Erés auta, sgróvia, bèla
fontanèla del me Dòss
con chél mus-cio che nódava
chel frescór entorn a ti.
Ti às vist generazion
de vécloti cóntar storie
e dé gióuni 'namoradi
che i giurava etèrno amor.
Per i pòpi ères en mondo
endó scònderse, cighiar
far le ghère e s-ciapótar.
Ti às creà tanta alégria
con chél bèl zampil d'arzènt
el ghiè amò, ma par 'na lagrima.
Senza pòpi, vècli e amor
as finì d'esser magia
ses 'na póza celestina
en calcòs che passa via.
Fontanèla del me Dòss

Eri alta, ispida, bella
fontanella del mio Dòss
con quel muschio che nuotava
quella frescura intorno a te.
Tu hai visto generazioni
di vecchietti raccontar storie
e di giovani innamorati
che si giuravano eterno amore.
Per i bimbi eri un mondo
dove nascondersi, strillare
far le guerre e pasticciare.
Tu hai creato tanta allegria
con quel bel zampillo d'argento
c'è ancora, ma sembra una lacrima.
Senza bimbi, vecchi e amore
hai finito d'esser magia
sei una pozza celestina
un qualche cosa che sfugge via.
© 2018 a cura di Gino Ruffini

Search