I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Esser sior

Voria esser sior e avér tanti soldi
comprar én chiampet, ‘na chiasa, én stalot
maghiari ‘na spléuza sul me Dòs de Pez
che varda sul lach, sui zento paes
scoutar le chiampane che sona 'n le glesie
vardar i pomari dai zento colori
sentir dirme ciao da tuta la gent.
E po’, ent l'Invern, schiaudarme coi ciochi
star sota 'l piumin e spetar la me està
curarme en ‘tel ort, le brugne, i Spadoni
magnar rave zalde pu dolze del mél.
Ma mi son lontan, isolà, senza enciuni
no ghiai 'l chiampét, i amizi perdudi
e anchia  i me sogni i è 'n ‘ten chiasset
ensema con éi, dimò fantasia
che ferma la vita a riviver chei dì.
Essere ricco

Vorrei esser ricco, aver tanti soldi
comperare un campo, una casa, un stabbiolo
magari una soffitta sul mio Dòss de Pez
che guarda sul lago sui cento paes
ascoltar le campane che suonano nelle chiese
vedere i pometi dai cento colori
sentirmi dir ciao da tutta la gente.
E poi, nell'Inverno, scaldarmi con i ciocchi
star sotto il piumino e aspettare la mia Estate
coltivare nell'orto, le prugne, le Spadone
mangiare carote, più dolci del miele.
Ma io sono lontano, isolato, senza alcuno
non ho il campetto, gli amici perduti
e anche i miei sogni son dentro un cassetto
assieme con loro c'è sol fantasia
che ferma la vita a rivivere quei dì.
© 2018 a cura di Gino Ruffini

Search