I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

El temporal

Chi sol sul pontesel
a vardar el temporal.
L'è scur lagiò gio 'n fond
pu clar da l'autra banda
po' l'aca de travers a gocie grosse
la bagna tut, l'è 'l Nos en 'ten moment,
e lampi e toni, empar en chiagn rabbios
che el mossa i denti, el sbofa, el fa paura.
E correr ca femnata, e dent en chel porton
la sofla, spetenada, l'ombrèla reversada.
Dimò chel putelot el cighia l'è content
ma 'l temporal el passa, la gioventù con el.
Cando sarasti grand, piciol che ses content
pensa a 'sto temporal, no el tornerà mai pu.
Il temporale

Qui, solo, sul poggiolo
a guardare il temporale.
E' scuro laggiù, giù in fondo
più chiaro dall'altra parte
poi,  l'acqua di traverso a gocce grosse
bagna tutto, è il Noce in un momento,
e lampi e tuoni, sembra un cane rabbioso
che mostra i denti, abbaia, fa paura
E correre quella donnina, e dentro in quel portone
ansima, spettinata, l'ombrello rovesciato.
Solo quel bambino grida e contento
ma il temporale passa, la gioventù con lui.
Quando sarai grande, piccolo che sei contento
pensa a questo temporale, non tornerà mai più.
© 2018 a cura di Gino Ruffini

Search