I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Comari

Che piazer siora encontrarla
l’è 'n gran temp che no la vedi
come stala, stala ben?
Mi, i malani i me tormenta
i me pei i è semper sgionfi
e anchia el flà nó el me ven su.
I  chiavèi, en ghievi tanti,
i me resta dent el pèten,
nó val ongerli con l’oio
ne lavarli con l’asé.
Tute storie, la me credia...

Oh, l’è 'ngot, la saves siora
chél che chiapita anchia a mi.
I genocli empar baloni
no me podi pu pleghiar
né 'n ‘tei banchi de la glesia
né a freghiar el paviment.
Le me man l’è tute reumi
ài provà con onti e ortighie
ghiè dirai: nó i me fa 'ngot.
Cando po' me ven le vampe
vègni rossa come 'n bèghier
e nó voi veder enciun.
Per fortuna i puti i è grandi
bravi, gran laorentoni
i à trovà spose de föra
tute chiasa, glesia e fioi.
Nó son bona de far senza
mi naria en ‘tel foch per lori
la me credia, siora cara,
pur che i staghia för dei pèi.
Comari

Che piacere signora incontrarla
è tanto tempo che non la vedo
come sta lei, lei sta bene?
Io, i malanni mi tormentano
i miei piedi son sempre gonfi
e anche il fiato non vien su.
I capelli, ne avevo tanti,
mi rimangono nel pettine
non vale ungerli con l'olio
né lavarli con l'aceto.
tutte storia, la mi creda...
 
Oh è niente, sapesse signora
quel che capita anche a me.
Le ginocchia sembran palloni
non mi posso più piegare
né nei banchi della chiesa
né a strofinare il pavimento.
Le mie mani sono tutte reumi
ho provato con unti e ortiche
le dirò: non fanno nulla.
Quando poi mi vengon le vampe
divengo rossa come un basilisco
e non voglio vedere alcuno.
Per fortuna i ragazzi son grandi
bravi, grandi lavoratori
hanno trovato spose di fuori
tutte casa, chiesa e figli.
Non sono capace di stare senza
io andrei nel fuoco per loro
la mi creda, signora cara,
purché stian fuori dei piedi.
© 2018 a cura di Gino Ruffini

Search