I cookie vengono utilizzati per la fornitura dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web l’utente accetta al loro utilizzo.

Ciaresari ennamoradi

Doi  Ciaresari ennamoradi  nati distanti
i se vardava senza poderse tochiar.
I li à visti ‘na Nugola e i ghià fat pechià,
la plangiù per el dispiazer, e l’à scorlà le foie…
ma no l'è bastà, i Ciaresari no i s’è tochiava.
I li à visti la Tompesta e i ghià fat pechià
l’à uzenà dal dispiacer è l’à scorlà i rami…
ma no l'è bastà, i Ciaresari no i s’è tochiava.
I li à visti ‘na Montagna e i ghià fat pechià,
l’à tremà dal dispiazer e l’à scorlà i trochi…
ma no l'è bastà, i Ciaresari no i s’è tochiava.
Nugole, Tompesta e Montagna no i saveva,
che sota  tera, le radis dei Ciaresari le era
endréciade ‘n ‘ten abraz che no el ghiéva temp.
Ciliegi innamorati

Due Ciliegi innamorati, nati distanti,
si guardavano senza potersi toccare.
Li vide una Nuvola, che mossa a compassione,
pianse di dolore e agitò le loro foglie...
ma non fu sufficiente, i Ciliegi non si toccarono.
Li vide la Tempesta, che mossa a compassione,
urlò dal dolore ed agitò i loro rami...
ma non fu sufficiente, i Ciliegi non si toccarono.
Li vide la Montagna, che mossa a compassione,
tremò dal dolore ed agitò i loro tronchi...
ma non fu sufficiente, i Ciliegi non si toccarono.
Nuvola, Tempesta e Montagna ignoravano,
che sotto la Terra, le radici dei ciliegi erano
intrecciate in un abbraccio senza tempo.
(Fonte: A. Lorenzato; foto: A. De Rossi; Autore ignoto; traduzione in Nonese del curatore.)
© 2018 a cura di Gino Ruffini

Search